Trattenere la cacca fa male oppure no?

Trattenere la cacca fa male? 

Abbiamo già parlato del ragazzo che non ha defecato per una quarantina di giorni. Per scelta. Aveva ingerito capsule di droga e non voleva essere arrestato.

Su Youtube ci sono video di challenge di questo tipo: chi riesce a trattenere la cacca più a lungo degli altri che partecipano alla sfida vince una somma di denaro. Anche cifre importanti: 500 euro, ad esempio.

Alcuni bambini, per dolore o per vergogna, evitano di fare la cacca.

Prima di continuare, vogliamo ricordarti che hai un alleato formidabile quando vai in bagno: SPUZZA VIA. Bastano 5 spruzzi nel wc prima di liberare l'intestino e, grazie al suo effetto barriera, non lascerai nessun odore sgradevole dietro di te.


Può succedere che i bambini trattengano la cacca

Queste cose, però, non riguardano solo bambini e ragazzi che fanno sfide, ma anche persone adulte.

Ad esempio, in genere si evita di fare la “number 2” in pubblico. Molte persone si trattengono quando sono con ospiti, o a casa d'altri.


In molte situazioni, si trattiene lo stimolo di defecare, con conseguente mal di pancia!

Immagina di essere al primo appuntamento e di sentire lo stimolo.  Probabilmente, cerchi di reprimerlo.

Ma è giusto?

Perché non si deve trattenere la cacca? 

Il termine scientifico che indica la ritenzione delle feci è encopresi (dal greco ἐν (en) = in e κόπρος (copros)= cacca), Si utilizza soprattutto quando si ha a che fare con bambini che hanno questo problema.

Sì, è un problema. Vediamo perché.

Le feci contengono delle parti tossiche e la funzione dell’evacuazione è di espellere queste parti tossiche. Aspettando, pertanto, non facciamo altro che trattenere queste componenti nocive nel nostro corpo.


Se tratteniamo la cacca, tratteniamo anche le sostanze nocive

Inoltre, dopo un po’ il nostro organismo riassorbe i liquidi presenti nelle feci. Liquidi in cui ci sono sostanze dannose.

Oltretutto,  durante la digestione il nostro stomaco non può assorbire i nutrienti dei cibi se non sono state espulse le feci.

Ma non basta! Si possono anche creare problemi seri come il blocco intestinale e le emorroidi. Questo perché le feci trattenute molto a lungo s’induriscono e diventano difficili da espellere. Un’altra conseguenza negativa delle feci dure è che possono creare dolore all’ano. Per aiutare l'evacuazione, bisogna sollevare le gambe di 35°. Puoi farlo grazie a SQUAT'N'POO, il nostro sgabello fisiologico.


Con lo sgabello si prevengono anche le emorroidi

Senza contare che le feci trattenute ristagnano nel nostro corpo e quindi quando evacuiamo, hanno un  odore ancora più cattivo del solito. 


Le feci trattenute hanno un odore molto sgradevole

Kyle D Saller, gastroenterologo del Massachusetts General Hospital, ha spiegato che si può arrivare alla formazione di grandi blocchi che devono essere asportati chirurgicamente, perché possono causare costipazioni croniche.

Nei casi peggiori, trattenere la cacca può essere persino mortale (sempre per colpa di questi blocchi).

C’è stato il caso di una donna che non ha defecato per otto settimane. Gli intestini si erano ingranditi così tanto da farle venire un attacco di cuore.


E' una situazione estrema, ma può accadere anche questo!

E i gas?

Non fa bene neanche trattenere  i gas intestinali perché questo può comportare ritenzione fecale e delle urine, danni a livello addominale, fitte e stanchezza.

Tutti noi ci sentiamo imbarazzati se ci scappa un peto quando siamo in pubblico e non ci piace che qualcuno ne faccia uno davanti a noi. Sono fattori sociali comprensibilissimi. Ma noi adesso stiamo affrontando la questione dal punto di vista medico.


Se capita quando si è con altri, è sicuramente molto imbarazzante!

Qualche consiglio

Il primo consiglio è: cerca di fare la cacca in casa prima di uscire di casa, così non avrai problemi quando sei fuori. In ogni caso, generalmente i bagni dei locali pubblici sono tenuti bene e sono puliti, perché sono una sorta di biglietto da visita.


I bagni sono il biglietto da visita di un locale pubblico

Il secondo consiglio è: non fare sfide stupide come quella di cui abbiamo parlato prima (questo consiglio è rivolto soprattutto ai giovani).

Non parliamo in questa sede del problema della encopresi dei bambini perché deve essere affrontato con l’aiuto di specialisti, anche di psicologi.

Ti consigliamo anche di non mangiare cibi che possono provocare flatulenze, soprattutto se devi uscire o ricevere ospiti.


Alcuni cibi possono essere irritanti per un intestinon sensibile

Infine, nel caso in cui dovessi fare una cacca particolarmente maleodorante a causa di una ritenzione fecale di qualche giorno, usa SPUZZA VIA prima di accomodarti sul gabinetto. La sua speciale formulazione crea una barriera sull'acqua del wc e intrappola il cattivo odore, impedendogli di uscire dalla tazza.


Con Spuzza Via risolvi sul nascere il problema del cattivo odore!

Ci auguriamo che la ritenzione sia volontaria e non dovuta alla stipsi perché sarebbe anche peggio. Con la stipsi non si può scegliere. Ma ricordati che trattenere la cacca (volontariamente) può portare alla stipsi.


Tratta bene il tuo intestino, perché condiziona la salute di tutto il corpo

Related products

Fragranza rosmarino, sandalo, cedro

Da: 5,80 € a: 9,80 €
9,80 €

Deodorante abbatti odori!

Alla fragranza di rosmarino, sandalo e cedro della Virginia

Fragranza al limone, arancia e lime

Da: 5,80 € a: 9,80 €
9,80 €

Deodorante per il wc!

Alla fragranza di limone, arancia e lime

Fragranza al lime e menta

Da: 5,80 € a: 9,80 €
9,80 €

Il cocktail antipuzza per il wc!

Alla fragranza di lime e menta piperita

Sgabello fisiologico per wc

19,60 €
La giusta inclinazione

Sgabello fisiologico per la seduta ottimale sul wc

Commenti (0)

Al momento non ci sono commenti

Nuovo commento

I tuoi dati sono al sicuro
I tuoi dati sono al sicuro
Spedizione gratuita oltre i 29 Euro
Spedizione gratuita oltre i 34 Euro
Politiche per i resi merce
Politiche per i resi merce
Politiche per i resi merce
Programma fedeltà
Spedizione in 24h
Spedizione in 24 ore
Soddisfatti o rimborsati
Soddisfatti o rimborsati